Le Notizie

Categoria: La Notiziona
Pubblicato Lunedì, 28 Aprile 2014

"La morte si è dimenticata di me"

Un indiano dice di essere il più vecchio del mondo: 179 anni

Redazione Dubidoo lunedì 28 aprile 2014
Lui dice che ha 179 anni. Se fosse così, sarebbe l'uomo più vecchio del mondo. E' un indiano, si chiama Mahashta Murasi e sostiene di essere nato nel 1835. Di mestiere fa il calzolaio. L'ultimo medico che lo ha visitato è morto nel 1971 e, precisa di essere riuscito a vivere più dei suoi pronipoli. "E' come se la morte si fosse dimenticata di me", ha detto. 

Share on Facebook
Categoria: La Cronaca
Pubblicato Lunedì, 28 Aprile 2014

Due santi amati dalla gente

Roma, 800mila persone acclamano Roncalli e Woityla

Redazione Dubidoo lunedì 28 aprile 2014
Due tra i Papi più importanti del Novecento sono diventati Santi. Si tratta di Giovanni XXIII e di Giovanni Paolo II. A consacrarli è stato Papa Francesco, nel corso di una messa fatta a piazza San Pietro, a Roma, dove hanno partecipato 800mila fedeli. Tra gli oltre 800 tra cardinali e vescovi c'era anche il papa emerito Benedetto XVI. 

Sull'altare sono state portate le loro reliquie: di Giovanni XXIII (papa Roncalli) è stato portato un pezzetto di pelle. Di Giovanni Paolo II (papa Woityla) è stata portata una ampolla con il sangue. 

I miracoli
Giovanni Paolo II avrebbe salvato una donna del Costa Rica che secondo i medici era destinata a morire. Secondo quanto riportato dalla causa di canonizzazione la donna, intontita dai farmaci, aveva fissato una sua foto pubblicata sul quotidiano La Nacion mentre stava benedicendo. Lei pregò e il giorno dopo - era quello della beatificazione di Giovanni Paolo II, ora diventato santo - guarì.

Giovanni XXIII avrebbe guarito una suora negli anni Sessanta. Era stata ricoverata a Napoli dopo che le si era perforato lo stomaco per una ulcera gastrica. La suora raccontò che dal letto di ospedale vide il papa che le disse che poteva tornare a mangiare e che aveva sentito le sue preghiere.


Share on Facebook
Categoria: La Cronaca
Pubblicato Mercoledì, 23 Aprile 2014

Indiani e cowboy insieme contro il petrolio

Usa, a Washington marcia comune per "no" a oleodotto

Redazione Dubidoo mercoledì 23 aprile 2014
Per una volta - abbandonando il mito che rivive solo nei fumetti e nei film - i cowboy e gli indiani marciano insieme. Lo hanno fatto a Washington, negli Stati Uniti, per protestare contro un oleodotto di 2mila e 700 chilometri che si vorrebbe costruire e che a loro dire colpirebbe l'ecosistema. 

A che cosa serve questo oleodotto?
Serve per estrarre il petrolio nelle sabbie del Canada per poi arrivare, per il suo trattamento, nelle raffinerie del Texas. 

Lo sai che...Obama aveva "congelato" il progetto. Indiani e cowboy (gli allevatori delle zone interessate) hanno chiesto al presidente degli Usa un "no" definitivo. 

Share on Facebook
Categoria: La Notiziona
Pubblicato Mercoledì, 23 Aprile 2014

Piccoli ma pronti a fare la rivoluzione

Perù, Caritas sostiene i coltivatori di ananas della foresta

Redazione Dubidoo mercoledì 23 aprile 2014
Con il sostegno della Caritas-Perù, i piccoli produttori di ananas di Satipo, nella foresta peruviana, sono riusciti a fare un passo avanti verso il mercato nazionale ed internazionale. Si tratta di "Agroideas", una iniziativa statale che promuove attività sostenibili nel settore della vendita di generi alimentari. Nell'ambito del programma, è stato ottenuto un finanziamento per migliorare la produzione di succo e polpa di ananas, attualmente 480 tonnellate l'anno, con l'obiettivo di raggiungere le 720 tonnellate, destinate al mercato nazionale ed internazionale.
La nota inviata all'Agenzia Fides riferisce che per la Caritas-Perù costituisce un grande successo il fatto che i piccoli produttori siano inseriti in un mercato molto competitivo con un prodotto di qualità. Caritas-Perù ha iniziato questo lavoro nel 2002 e, dopo aver migliorato la produzione, nel 2007 ha introdotto altre varietà di ananas, concentrandosi sulla qualità. Le condizioni climatiche di Satipo hanno contribuito notevolmente a questo scopo.
Attraverso questo programma sostenuto dalla Caritas, la situazione socio-economica di 381 famiglie di Satipo e Chanchamayo è notevolmente migliorata, facendo diventare imprenditori questi piccoli agricoltori, che ora riescono a rifornire dei loro prodotti la capitale Lima e perfino alcuni paesi dell'estero.

Share on Facebook
Categoria: La Cronaca
Pubblicato Martedì, 15 Aprile 2014

Ucraina, spezzata in due dalla politica

Ecco tutte le tappe, a partire da un anno fa

Redazione Dubidoo martedì 15 aprile 2014
Ma cosa è successo in Ucraina in questi mesi? La situazione non accenna a placarsi con una parte dello Stato filoeuropeo e l'altra parte, filorussa, che con un referendum ha deciso autonomamente di dividersi e tornare sotto il controllo della Russia.

Ripercorriamo insieme tutte le tappe:

30 marzo 2013: L'Ucraina tenta un accordo di "associazione" con l'Unione europea

14 agosto 2013: La Russia fa alcune "ritorsioni" economiche e commerciali contro l'Ucraina

21 novembre 2013: L'Ucraina cede alle ritorsioni russe e sospende l'accordo con l'Ue. Inizia la protesta in piazza Maidan, a Kiev

30 novembre 2013: Il Governo ucraino tenta di reprimere con la forza le proteste cittadine

25 gennaio 2014: Le iniziative di protesta proseguono e sono decine i morti

22 febbraio 2014: Il presidente ucraino Yanukovic si dimette e viene scarcerata l'ex primo ministro Yulia Timoshenko

4 marzo 2014: Truppe vicine ai russi occupano i palazzi della Crimea, zona a maggioranza russa. In breve buona parte della penisola sul Mar Nero entra sotto il controllo russo

16 marzo 2014: I cittadini della regione della Crimea fanno un referendum: decidono di farsi annettere dalla Russia

6 aprile 2014: In altre regioni dell'est dell'Ucraina (come a Donetsk) i filorussi occupano le sedi del governo. L'obiettivo è maggiore autonomia.

Share on Facebook
Categoria: La Cronaca
Pubblicato Lunedì, 14 Aprile 2014

Filonazista spara e uccide tre persone

Kansas City, presi di mira tre ebrei

Redazione Dubidoo lunedì 14 aprile 2014
L'odio contro gli ebrei non finisce più. Alla vigilia della Pasqua ebraica, alla periferia di Kansas City, negli Stati Uniti d'America, un filonazista ha gridato "Heil Hitler" (il motto che dicevano i nazisti per il loro saluto e che significa 'Saluto a Hitler') e ha ucciso tre ebrei, tutti residenti in un centro di preghiera e in una casa di riposo. L'uomo ha agito con una carabina, una pistola e probabilmente una terza arma. Ha ucciso in un parcheggio. La prima volta la vittima è stata un uomo che era seduto nel sedile posteriore di un'auto. La seconda è stata una persona che ha cercato di scappare. Per la terza – una donna – dinamica simile: era anche lei nella macchina che stava guidando. L'uomo è stato arrestato.

Share on Facebook
FacebookTwitterRSS Feed

Sostieni Dubidoo. Dona almeno 10€

Importo:   EUR

DUBIDOO è una testata giornalistica ed un marchio regolarmente registrati - iscrizione al roc n°20112 - direttore responsabile: giampiero valenza
DUBIDOO è proprietà di magazzinidelcaos editori via di siena,14 castiglione della pescaia - loc. buriano [gr]
p.iva/cod.fisc. 011 99 86 05 35
- TUTTI I DIRITTI RISERVATI -